80 anni fa le leggi razziali. Il cinema che le racconta, con Aamod e Istituto Luce

Nell’anniversario delle funeste leggi razziali promulgate dal fascismo, Aamod e Istituto Luce – Cinecittà, propongono a dicembre una giornata di studi e una rassegna di cinema per analizzare la memoria dell’Impero africano e delle discriminazioni razziali operate in Italia e nelle colonie fino alla caduta del fascismo e oltre. Per non dimenticare in tempi xenofobi come i nostri …

12 settembre 1938,  12 settembre 2018. Ottant’anni fa l’Italia fascista promulgava le vergognose leggi razziali. Per non lasciare cadere nell’oblio questo drammatico anniversario, soprattutto di questi tempi in cui i venti razzisti hanno ripreso a soffiare con pericolosa e rinnovata forza, l’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico (Aamod) e l’Istituto Luce – Cinecittà promuovono una bella iniziativa tra cinema e riflessioni storiche.

Si tratta di La conquista dell’Impero e le leggi razziali, una giornata di studio e una rassegna cinematografica che si svolgerà a Roma, alla Casa del Cinema il 6, 7 e 8 dicembre 2018.

La conquista violenta dell’Etiopia, la dichiarazione dell’Impero, e la promulgazione delle leggi razziali sono eventi strettamente collegati tra loro che nell’ottica del regime all’apice delle sue strutture di potere (e consenso) dovevano assicurare all’Italia un impero e alle sue genti di “razza” bianca la supremazia in patria e in colonia.

Se gli anni Trenta riflettono la forte discontinuità impressa allo Stato unitario dal regime fascista, essi sono un osservatorio di straordinaria importanza per cogliere le rimozioni dell’Italia contemporanea rispetto al suo passato e alle molteplici eredità e chiusure verso l’alterità nelle sue diverse forme, ieri e oggi.

La manifestazione prevede una giornata di studio con registi, storici contemporanei, critici cinematografici, documentaristi, scrittori (tra cui Carlo Casula, Lucia Ceci, Leonardo De Franceschi, Gianmarco Mancosu, Roberto Silvestri, Giovanni Spagnoletti, Sandro Triulzi). Oltre alla proiezione di film e documentari d’epoca per analizzare la memoria dell’Impero africano e delle discriminazioni razziali operate in Italia e nelle colonie fino alla caduta del fascismo e oltre.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-61906727-1