Abraham Yehoshua al SalinaDocFest. Premiato col Ravesi “dal testo allo schermo”


“Il responsabile delle risorse umane” di Eran Riklis

 

Abraham Yehoshua ospite della XIII edizione del SalinaDocFest, dall’11 al 14 settembre nell’isola siclliana. Il grande scrittore israeliano sarà l’ospite d’eccezione del festival del documentario narrativo diretto da Giovanna Taviani che quest’anno è declinato nel segno delle (r)esistenze.

Abraham Yehoshua, tra gli intellettuali di punta del panorama internazionale, si è distinto da sempre per la sua fede pacifista condivisa, del resto con altri scrittori del suo paese come David Grossman e Amos Oz – recentemente scomparso -, sostenitori della «soluzione dei due stati» nel conflitto palestinese-israeliano, a sostegno del dialogo interreligioso e culturale.

Un tema non solo attuale ma legato proprio allo spirito del SalinaDocFest da sempre attento al dialogo dei popoli nel Mediterraneo. Venerdì 13 settembre Fabio Ferzetti, critico cinematografico, dialogherà con Abraham Yehoshua in un incontro pubblico, mentre Valentina Carnelutti sarà protagnista di un reading con brani tratti da Il Tunnel, ultimo romanzo dello scrittore (Einaudi 2018) a cui seguiranno le letture di brani tratti da Un divorzio Tardivo (Einaudi 2005).

A Abraham Yehoshua andrà il Premio Ravesi “Dal testo allo schermo”, assegnato, come da tradizione dal Comitato d’Onore del SalinaDocFest, a un grande scrittore internazionale. Tra i suoi romanzi diventati film, segnaliamo Il responsabile delle risorse umane portato sul grande schermo da Eran Riklis nel 2010; L’amante trasformato ne L’amante perduto da Roberto Faenza (1999) e in The Lover (1985) dalla regista e musicista israeliana, Michal Bat-Adam.

L’attrice Valentina Carnelutti sarà al festival anche in veste di giurata insieme alla Presidente di WIF – Women in Film Kissy Dugan e alla regista Antonietta De Lillo, tutte nella giuria del Premio WIF, nato dalla collaborazione del SalinaDocFest con WIF – Women in Film, TV & Media. Il premio WIF andrà al miglior documentario che affronta la condizione femminile nel cinema e sarà consegnato sabato 14 settembre.