Addio all’attore Stefano Corsi. Una vita tra teatro d’avangardia e cinema d’autore

 

 

È scomparso l’attore Stefano Corsi, “prestato” al cinema dal teatro. Quello dell’avanguardia romana, soprattutto, in cui Corsi, nato a Roma nel ’48, ha cominciato calcando le scene del Patagruppo di Simone Carella, Giancarlo Nanni, Armando Pugliese e poi Giancarlo Sbragia, Mario Missiroli, fino a Luca Ronconi.

Nel cinema ha lavorato soprattutto in quello d’autore, con Federico Fellini, Marco Bellocchio, Lina Wertmuller, Mauro Bolognini, Franco Rossi.

Lo ricordiamo soprattutto per l’intenso ruolo del dolente guardiano dei bagni pubblici, al fianco di Antonello Fassari in Mitraglia e il Verme, di Daniele Segre, film “sovversivo” del 2004 da cui sono tratte le foto.

I funerali si svolgeranno a Roma il 24 agosto, ore 16, a Santa Maria in Transpontina, Via della conciliazione 14.