Cari produttori italiani lasciate perdere Nick Hornby

In sala dal 23 marzo (per Universal) “Slam-Tutto per una ragazza” il film di Andrea Molaioli dall’omonimo romanzo del celebre scrittore inglese, Nick Hornby, tra i più “saccheggiati” dal cinema. Una commedia giovanilista con due diciassettenni con bebé, proprio come “Piuma”. Il fatto è che il clima italiano fa a pugni con la spiritosa scrittura di Hornby…

tutto_04

 

Siamo tutti d’accordo. Nick Hornby è meglio leggerlo che guardarlo al cinema. Non c’è paragone. Eppure il cinema lo ha saccheggiato.

Nell’ordine: Febbre a 90°(1997, con Colin Firth non ancora star); Alta Fedeltà (2000, una chicca, Stephen Frears è un genio anche quando lavora su commissione, qui per conto di John Cusack); About a boy-Un ragazzo (2002, con Hugh Grant); È nata una star? (2012, Lucio Pellegrini “traduce” Hornby con la coppia Papaleo-Littizzetto); Non buttiamoci giù(2014).

Tutti comunque buoni film. Tranne quello italiano.  Tralasciamo An Education (2010)perché Nick Hornby l’ha scritto direttamente come sceneggiatura, e cassiamo l’inutile replica hollywodiana di Febbre a 90°, L’amore in gioco, che l’autore medesimo ha rinnegato.

Mancava all’appello la trasposizione cinematografica di Slam-Tutto per una ragazza. Ci arriva, in anteprima al Torino Film Fest, diretta da Andrea Molaioli, già forte di un premiatissimo esordio (La ragazza del lago) e di un’operina civile sul caso Parmalat (Il Gioiellino).tutto-per-una-ragazza

Slam non è un bel film. Proprio no. In più ha la disgrazia di raccontare due diciassettenni con bebé giusto a ridosso delle stroncature veneziane di Piuma, una débâcle ai botteghini. Quando dici la sfiga. Dispiace lo spreco di Luca Marinelli e Jasmine Trinca, qui nonni precoci.

Ma il fatto è che il clima italiano fa a pugni con la spiritosa scrittura di Hornby.
La Londra di High Fidelity trasportata a New York non faceva una piega, trasportata a Roma invece mette a disagio. E purtroppo trattasi di commedia giovanilista. E le commedie giovaniliste in Italia, prendiamone atto, proprio non le sappiamo fare. Non è nel nostro DNA.

Abbiamo ricordi freschissimi, troppi, e tutti da cancellare. Sarebbe un ragionamento lungo, ma limitiamoci a una preghiera : cari produttori italiani, evitate per il futuro di accaparrarvi i diritti dei romanzi di Nick Hornby. Costano cari, e sono denari sprecati.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-61906727-1