Cinema di strada. C’è un’Aperossa nell’estate romana

Storie e territorio, cinema e letture. Torna dal 14 luglio a Roma, l’Aperossa, la rassegna itinerante dell’Aamod che porta il cinema tra le strade, le piazze e i giardini. Favole per i bambini, musica e film, con una rassegna sulle periferie a cura di Giacomo Ravesi …

L’Aperossa torna per le strade di Roma (dal 14 luglio, per sei appuntamenti). Esattamente per quelle di Marconi, Garbatella e Ostiense per raccontare storie legate al territorio, ma anche incontri letterari per bambini, sonorizzazioni live di nuovi film, e “vecchi” film che fotografano le periferie tra “avanguardia e rovina”.

È la rassegna itinerante ideata e promossa dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (Aamod) in collaborazione con Euroma2 Cultural Experience, pensata come cinemobile flessibile e autonomo dal punto di vista delle attrezzature, grazie all’Apetta – dotata di  telo, proiettore e casse acustiche – che è uno strumento agile ed efficace per “raccontare storie” in strade, piazze, giardini pubblici, vicoli, parchi condominiali, e altri spazi alternativi frequentati da ogni categoria e generazione di cittadini.

Per i più piccoli, per esempio, c’è l’Apelettura pomeridiana (ore 17), realizzata in con Biblioteche di Roma che presenterà, con racconti e letture ad alta voce, delle opere  legate alla letteratura per l’infanzia, a cura della Biblioteca Centrale Ragazzi: si comincia con Lupi affamati e ragazze scostumate (14 luglio, piazzale del Teatro India), per proseguire con Nel Paese dei mostri selvaggi e delle streghe cattive (18 luglio, Parco Cavallo Pazzo) e  Eroi, re e regine … tutto torna come prima!  (20 luglio, Piazzale della Centrale Montemartini), in compagnia di Pino Grossi e Anna Maria Di Giovanni.

A partire dalle 18, avranno invece luogo i walkabout, esplorazioni partecipate a cura di Urban Experience, per scandagliare geografie e storie delle tre zone che ospitano l’iniziativa. La conduzione radiofonica e psicogeografica di  Carlo Infante farà conoscere al pubblico gli scenari urbani attraverso frammenti audio di testimonianze e brevi estratti di film. Primo tragitto sarà Nel dark side of Mira Lanza, che parte dai terreni alle spalle della ex-Mira Lanza alla scoperta del MAGR, il Museo Abusivo Gestito dai Rom, in cui sarà possibile vedere decine di opere di Seth (il francese Julien Malland), uno dei più noti street artist.

A seguire Evocando l’aedo di Garbatella, percorso dal Parco Cavallo Pazzo a Garbatella sulle tracce dei movimenti del ’77, e in particolare quello degli Indiani Metropolitani che quarant’anni fa s’ispirarono alle culture indiane d’America come ideale espressione d’alterità; all’interno anche uno speciale focus dedicato a Victor Cavallo.

Infine Tra i vuoti di senso dell’archeologia industriale, tragitto che si muoverà  dalla Centrale Montemartini per esplorare un’area industriale ad alta densità archeologica sorta lungo il Tevere, negli spazi di un’antica stazione di pompaggio dell’acqua del fiume.
L’ultimo week-end di programmazione sarà anche oggetto di una visita guidata approfondita alla Centrale Montemartini, a cura di Ilenia Gradante e Maria Rosa Patti.

La musica sarà presente, a partire dalle ore 20, con una serie di evoluzioni sonore curate da Emiliano Torquati e interpretate insieme a Marcello Allulli, Alessandro D’Alessandro, Antonello D’Urso, Andrea Battantier, Claudio Capponi e Ramberto Ciammarughi, che accompagneranno Valle Giulia 68, film realizzato in occasione del cinquantenario dei moti studenteschi.

Alle 21 spazio al cinema con la proiezione di alcuni film che raccontano l’evoluzione della periferia romana negli anni, a cura di Giacomo Ravesi e introdotti da testimonial ed esperti: Accattone di Pier Paolo Pasolini (1961, 14 luglio); Il Contagio di Matteo Botrugno, Daniele Coluccini (2017, 15 luglio); L’amico immaginario di Nico D’Alessandria (1994, 18 luglio); Giravolte di Carola Spadoni (2001, 19 luglio); Ostia di Sergio Citti (1970, 20 luglio) e Amore tossico di Claudio Caligari (1983, 21 luglio).

L’Aperossa fa parte dell’Estate Romana 2018 promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-61906727-1