Costa-Gavras premiato a Venezia. Col film sulla battaglia di Varoufakis contro la Troika



Venezia 76 omaggia Costa-Gavras con il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2019. L’86enne regista di origini greche, che ha scritto coi suoi film la storia del cinema (Z-L’orgia del potere, Missing), ha “saputo fare della politica un tema affascinante – sottolinea il direttore della Mostra Alberto Barbera -, un soggetto come un altro, da affrontare non fra iniziati consapevoli e già convinti, ma da somministrare al grande pubblico, servendosi di tutti i mezzi che il cinema fornisce per accedere al più grande numero possibile di spettatori”.

Ed è infatti con un film politico che Costa-Gavras torna a Venezia Fuori concorso. È Adults in the Room, (Adulti nella stanza) dall’omonimo memoir di Yanis Varoufakis, l’ex ministro delle Finanze della Grecia che racconta, con particolari densi e scottanti, il suo scontro con la troika (Commissione europea, Banca centrale europea, Fondo monetario internazionale), le forze economiche e politiche più potenti del pianeta durante il suo mandato.

Un tema universale: una storia di persone intrappolate in una rete di potere. La cerchia degli incontri dell’Eurogruppo, che impongono alla Grecia l’austerità. Una trappola claustrofobica senza via d’uscita, che esercita pressioni sui protagonisti e che alla fine li divide. Una tragedia greca nel senso antico. I personaggi non sono buoni o diabolici, ma guidati dalle conseguenze della loro stessa concezione di ciò che è bene fare. Una tragedia dei nostri tempi.