Da Cannes a Roma. Ken Loach, Ladj Ly e l’intramontabile “Shining”


Torna dal 12 al 16 giugno la 23esima edizione di Le vie del cinema da Cannes a Roma, la rassegna che porta nei cinema della Capitale (Adriano, Edn, Giulio Cesare) i film passati sulla Croisette.

Tra i più attesi è sicuramente la Palma d’oro, Parasite di Bong Joon-ho, scatenato noir sud-coreano imperniato su un conflitto di classe, anzi “il” conflitto di classe primario: quello tra i ricchissimi e i poverissimi.

Sempre dal concorso arriva anche il “letterario” Les misèrables di Ladj Ly, racconto a cuore aperto sulle origini dell’odio tra i tanti “miserabili” delle banlieues parigine. E anche il folgorante, Sorry We Missed You di Ken Loach, drammatica istantanea sull’inferno del lavoro nell’era dell’uberizzazione. Apre la rassegna il 12 giugno, come pure ha aperto Canes, I morti non muioino, rivisitazione ironica e molto cinefila dell’horror culto di Romero, firmata da Jim Jarmush.

Tra gli altri titoli letterari segnaliamo anche il vincitore della sezione Un certain regard, La vie invisible d’Euridice Gusmão” che il regista Karim Aïnouz ha liberamente tratto dal fortunato romanzo di Martha Batalha (Feltrinelli, 2016). E anche la versione restaurata di The Shining di Stanley Kubrik basato sul romanzo omonimo di Stephen King.

Qui tutto il programma