Il mistero Elena Ferrante è un doc

S’intitola “Ferrante Fever” il doc di Giacomo Durzi che vuole indagare sulla famosissima scrittrice “invisibile” baciata dal successo internazionale per il ciclo letterario de “L’amica geniale”….

anonimatoFever Ferrante, recitava la scritta al neon della libreria newyorkese MacNally Jackson, dedicando la vetrina ai libri della scrittrice de L’amica geniale. E Ferrante Fever, infatti, è anche il titolo del documentario di Giacomo Durzi che tenterà di spiegare il fenomeno dell'”autrice invisibile”. Sì, perché fin dal suo esordio nel 1992, con L’amore molesto, portato al cinema da Mario Martone, nulla si sa realmente della sua identità.

Come D.J. Salinger (1919-2010), Thomas Pynchon o ancor prima Madame de La Fayette che nella Francia del XVII secolo pubblicava anonimi i suoi romanzi, il mistero che avvolge Elena Ferrante è diventato uno dei casi più dibattuti del mondo letterario italiano. E sicuramente anche la sua fortuna editoriale.

Chi dice si tratti di Anita Raja, traduttrice e saggista napoletana, moglie dello scrittore Domenico Starnone. Chi è convinto sia Starnone stesso, chi parla di Goffredo Fofi e ancora degli editori di tutti i suoi romanzi: Sandro e Sandra Ferri di e/o.

Ferrante Fever (produce Malia) inseguirà tutte queste tracce nell’intento di raccontare come “l’assenza” dell’autore contribuisca al suo successo. Elena Ferrante, infatti, è anche una delle autrici tra le più amate dal cinema. Sul grande schermo oltre a L’amore molesto, è arrivato anche I giorni dell’abbandono per la regia di Roberto Faenza. Mentre RaiFicion e Fandango stanno lavorando all’adattamento per la tv dei quattro volumi della saga L’amica geniale, di cui l’ultimo, Storia della bambina perduta è stato tra i titoli dello Strega 2015.