Il ritorno (40 anni dopo) di Alvaro Rissa, il poeta di “Ecce Bombo” ospite di Bookciak, Azione!

A distanza di 40 anni si riprende la scena, Alvaro Rissa, il “poeta contemporaneo” che il genio di Nanni Moretti, allora ventenne, ha reso un culto assoluto con la scena degli esami di maturità in “Ecce Bombo”. Sarà lui la guest star del nostro Premio Bookciak, Azione! 2019, il prossimo 27 agosto al Festival di Venezia per un’edizione nel segno del pop e della poesia …

 

Ci sono scene diventate icone indelebili del nostro immaginario. Quella degli esami di maturità di Ecce Bombo è una di queste. A distanza di 40 anni (41 per l’esattezza, il film è uscito nel ’78) si riprende la scena Alvaro Rissa, il “poeta contemporaneo” che il genio di Nanni Moretti, allora ventenne, ha reso un culto assoluto per intere generazioni.

Alvaro Rissa, al secolo Cristiano Gentili, sarà la guest star del nostro Premio Bookciak, Azione!, evento di pre-apertura delle Giornate degli autori che punta questa sua VIII edizione sul pop e la poesia.

Con una celebre matita decisamente poetica come quella del presidente di giuria Lorenzo Mattotti, una raccolta di liriche (La memoria nel corpo di Antonella Sica, Rayuela Edizioni) che, per la prima volta, fanno da traccia-esperimento per i video, non poteva mancare uno dei poeti più celebri del nostro cinema.

Alvaro Rissa sarà quindi sul palco di Bookciak, Azione, il 27 agosto alla Villa degli Autori – è qui che si svolge la premiazione del concorso abbinata al consueto brindisi di benvenuto per la stampa – per raccontarci cosa è accaduto nella poesia in questi ultimi quarant’anni, dall’oltretomba alla gastronomia … Svelandoci segreti incredibili (dove ha conservato i suoi lunghi capelli neri da apache che ha tagliato molti anni fa), parlandoci del look del poeta contemporaneo (“smalto sulle unghie, rossetto, ciglia finte. Va bene tutto tranne il tatuaggio. Il tatuaggio è troppo borghese”), rivelandoci con chi vorrebbe andare sull’Isola dei Famosi (“la ragazza che vende olive al mercato” sotto casa).
Regalandoci, insomma, un’intervista bomba… Anzi, Ecce Bomba