Al via le riprese del nuovo film di Nanni Moretti. La sua prima volta da un romanzo

Al via lunedì 4 marzo a Roma le riprese del nuovo  film di Nanni Moretti,  dal romanzo “Tre piani” (Neri Pozza) di Eshkol Nevo, uno degli scrittori israeliani più apprezzati del panorama internazionale. Una storia molto freudiana ambientata in un borghese condominio a tre piani. Con tre diverse famiglie che si confrontano con paure, bisogni e amore. Tra gli interpreti Riccardo Scamarcio, Margherita Buy, Alba Rohrwacher, Adriano Giannini e lo stesso regista. Nelle sale dal 2020 …

 

Al via lunedì 4 marzo le riprese del nuovo fim di Nanni Moretti che per la prima volta si tratta di un adattamento. Dopo 12 film da soggetti originali anche l’autore di Palombella Rossa cede al fascino di portare sul grande schermo un’opera letteraria.

Si tratta di Tre piani, ultimo romanzo arrivato in Italia, nel 2017, per Neri Pozza di Eshkol Nevo, uno degli scrittori israeliani più apprezzati del panorama internazionale. È un racconto corale, sullo sfondo di un condiminio borghese di tre piani vicino a Tel Aviv, dove si dipanano le esistenze di tre famiglie: al primo piano quella di una giovane coppia con due figli, di cui la più piccola farà da detonatore alle paure del padre. Al secondo piano una coppia più matura, la cui madre ha dovuto crescre da sola i figli a causa di un marito sempre assente per lavoro e molto distratto. E al terzo piano una giudice in pensione che immagina di dialogare col defunto marito, giudice anche lui, attraverso una vecchia segeteria telefonica. Appassionata lettrice dell’opera di Sigmund Freud sarà proprio lei, in qualche modo a fare da filo rosso alla storia, indicando le tre diverse istanze freudiane – Es, Io, Super-io – della personalità, di cui i tre piani del palazzo ne sono il simbolo.

“Al primo piano risiedono tutte le nostre pulsioni e istinti, l’Es. Al piano di mezzo abita l’io, che cerca di conciliare i nostri desideri e la realtà. E al piano terzo abita sua altezza il Super Io, che ci richiama all’ordine con severità…”, scrive Eshkol Nevo nel suo romanzo.

Dopo Simmetria dei desideri, che ha consacrato sulla scena letteraria internazionale il talento dello scrittore israeliano, Tre piani si inoltra nel cuore delle relazioni umane: dal bisogno di amore al tradimento; dal sospetto alla paura di lasciarsi andare, offrendo al lettore personaggi umani e profondi, sempre pronti, nonostante i colpi inferti dalla vita, a rialzarsi per riprendere a lottare.

Sarà molto curioso, dunque, sapere come Nanni Moretti procederà nel suo adattamento del romanzo. A firmare la sceneggiatura – che sposterà l’zione da Tel Aviv a Roma – è lo stesso regista con Federica Pontremoli e Valia Santella. Tra gli interpreti Riccardo Scamarcio, Margherita Buy, Alba Rohrwacher, Adriano Giannini, Elena Lietti, Nanni Moretti, Denise Tantucci, Alessandro Sperduti, Anna Bonaiuto, Paolo Graziosi, Tommaso Ragno, Stefano Dionisi.

Prodotto da Sacher Film e Fandango, con Rai Cinema e Le Pacte, il film uscirà nel 2020 e sarà distribuito in Italia da 01 Distribution, in Francia da Le Pacte e nel resto del mondo da The Match Factory.