Torna “Sguardi altrove”. Visioni e letture da un mondo di donne

“Becoming Astrid” di Pernille Fischer Christensen


Nuove date e nuova location per la XXVI edizione di “Sguardi Altrove International Women’s Film Festival”, la rassegna internazionale dedicata al cinema e ai linguaggi artistici al femminile, che dal 13 al 21 giugno approda al Teatro Franco Parenti di Milano, con diramazioni in altri tre spazi chiave della città, Il Cinemino, Wanted Clan e Après-Coup oltre che all’Auditorium di Rho e all’Infopoint Regionale di Rho.

Il tema dell’edizione 2019 è “Bellezza e coraggio: plurale femminile contemporaneo” che mette al centro le donne che col loro coraggio e la loro determinazione contribuiscono a modificare il percorso della storia, offrendo sguardi, letture e soluzioni altre rispetto al pensiero dominante. Ad aprire la rassegna è Becoming Astrid della regista danese Pernille Fischer Christensen, ispirato alla storia di Astrid Lindgren, l’autrice di Pippi Calzelunghe (ore 19.45). Chiude la serata Blue my mind – il segreto dei miei anni della regista svizzera Lisa Brühlmann (ore 22.00) in uscita nelle sale italiane proprio il 13 giugno, distribuito da Wanted Cinema.

Tra le anteprime italiane: Bad Bad winter, opera prima della regista kazaka Olga Korotko che racconta una rimpatriata tra la figlia di un ricco uomo d’affari di Astana e i suoi compagni di classe destinata a prendere una piega inaspettata (15/06 ore 20.00); Las Ninas Bien della regista messicana Alejandra Marquez Abella, adattamento dell’omonimo libro di Guadalupe Loaeza sulle vicende di un gruppo di donne appartenenti alla borghesia messicana degli anni ’80 (20/06 ore 22.00); The Port della regista russa Alexandra Strelyanaya (17/06 ore 21.15). E ancora La città che cura di Erika Rossi e un omaggio ad Agnès Varda.