© BOOKCIAK MAGAZINE / TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Legge cinema: i “quattro punti” alla francese

Il Centro nazionale del cinema, la tassa di scopo… Continua il dibattito intorno alla nuova normativa di settore. Qui alcuni principi generali (contenuti nel Ddl  Di Giorgi) che fin qui hanno messo d’accordo circa 110 addetti ai lavori tra autori e produttori. Tra le ultime firmatarie Dacia Maraini e Laura Morante…

 

FILM - LE TIC - DIBOSETTI

‎Il Cinema Italiano e in particolare gli autori hanno sempre guardato con interesse il sistema normativo che i francesi hanno costruito a partire dal secondo dopoguerra e il cui ispiratore fu André Malraux.

I quattro cardini del “Code du cinéma”, pur nel continuo adeguamento dei suoi meccanismi applicativi dovuto al passaggio delle epoche e alle innovazioni tecniche, sono sempre rimasti gli stessi e hanno consentito al cinema francese e all’industria ad esso legata di superare le diverse crisi che mediamente si ripresentano ogni dieci anni e di diventare la seconda cinematografia nel mondo.

1) Concentrazione delle competenze in seno ad un unico organismo come il Centro Nazionale del Cinema  in  grado  di  elaborare  autonomamente  le  politiche  di  settore  fornendo  un  sostegno adeguato alle specifiche e mutevoli necessità: dalla scrittura alla produzione, dalla distribuzione, all’esercizio, dalla formazione,  all’inserimento dello studio delle immagini  in movimento nei programmi delle scuole primarie, alla conservazione e al restauro del patrimonio, allo sviluppo tecnologico, alla promozione.

2) Certezza e continuità delle risorse, determinate al di fuori della fiscalità generale, tramite un prelievo sul ‎giro ‎d’affari di tutti gli operatori che traggono profitto dallo sfruttamento delle opere cinematografiche, comprese le società telefoniche, nonché le over the top.

3) Adozione di un principio generale di trasparenza su tutti gli atti e i contratti che riguardano un’opera cinematografica finanziata con risorse pubbliche, da realizzarsi con l’istituzione di un registro cinematografico accessibile a tutti gli aventi diritto.

4) Definizione di sanzioni certe e con un criterio progressivo di severità collegato alla gravità dell’ infrazione

 

Ecco l’elenco dei firmatari

 


Ettore Scola

Matteo Garrone

Liliana Cavani

Gianni Amelio

Giuseppe Tornatore

Marco Bellocchio

Saverio Costanzo

Silvio Soldini

Giorgio Diritti

Daniele Vicari

Bernardo Bertolucci

Paolo Sorrentino

Paolo Taviani

Vittorio Taviani

Lina Wertmuller

Gabriele Salvatores

Roberto Faenza

Carlo Verdone

Paolo Virzì

Marco Risi

Giuliano Montaldo

Ugo Gregoretti

Giuseppe Gaudino

Massimo Gaudioso

Giacomo Scarpelli

Wilma Labate

Francesca Archibugi

Pippo Delbono

Francesco Patierno

Ricky Tognazzi

Daniele Ciprì

Silvia Scola

Costanza Quatriglio

Francesco Ranieri

Martinotti Renato De Maria

Maurizio Braucci

Ivano De Matteo

Laura Bispuri

Andrea Segre

Luigi Lo Cascio


Altre adesioni


 

Dacia Maraini

Pasquale Scimeca

Pierfrancesco Diliberto-Pif

Carlo Carlei

Paola Scola

Fabio Grassadonia

Antonio Piazza

Giorgio Treves

Angelo Longoni

Anna Negri

Simona Izzo

Gino Ventriglia

Andrea Gropplero

Luca Verdone

Angelo Carbone

Giuliana Gamba

Alessandro Trigona

Rocco Mortelliti

Tonino Zangardi

Felice Farina

Stefano Consiglio

Marco Luca Cattaneo

Laura Morante

Mimmo Calopresti

Lucio Gaudino

Antonio Falduto

Enrico Caria

Maurizio Forestieri

Alessandro Rossetti

Roberto Giannarelli

Maria Luisa Forenza

Patrizia Fregonese

Pierpaolo Andriani

Daniele Di Biasio

Felice Laudadio

Alberto Iannuzzi

Tino Franco

Emanuela Piovano

Rolando Ravello

Piero Cannizzaro

Daniele Costantini

Nino Bizzarri

Elda Ferri

(produttrice)

Angelo Curti

(produttore)

Mario Rossini (produttore)

Gianluca Arcopinto (produttore)

Gregorio Paonessa (produttore)

Pietro Innocenzi (produttore)

Riccardo Neri (produttore)

Tommaso Bertani (produttore)

Adriana Chiesa Di Palma (distributore)

Paola Corvino (distributore)

Fabio Segatori (produttore)

Aldo Tassone (critico)

Lidia Genchi (distributore)

Pierfrancesco Ajello (distributore)

Toni Servillo

Steve della Casa

Stefano Disegni

Luciana Castellina (Presidente Arci)

Gianluca Farinelli (Cineteca di Bologna)

Giovanni Arnone

Franco Montini (critico)

Bruno Torri (critico)

Giovanni Spagnoletti (critico)

Mario Lorini (esercente)

Domenico Dinoia (esercente)

Lorenzo Luzzetti (esercente)

Federico Babini (esercente)

Mario Perchiazzi

Marco Luceri (critico)

SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)