“I Luoghi dell’Anima” in ricordo di Tonino Guerra. Un (nuovo) Festival tra cinema e paesaggio


Nel centenario della nascita del grande poeta e sceneggiatore Tonino Guerra, si inaugura la prima edizione de “I Luoghi dell’Anima – Italian Film Festival”, una manifestazione pensata per valorizzare – attraverso lo sguardo cinematografico – il legame tra i luoghi e le persone che li abitano e li percorrono.

Il festival, ideato e presieduto dal figlio Andrea Guerra e sotto la direzione artistica di Steve Della Casa e Paola Poli, si svolgerà dal 18 al 21 marzo a Pennabilli e Santarcangelo di Romagna – borghi a cui l’esperienza di Tonino Guerra è intimamente intrecciata -, e sarà dedicato alle opere cinematografiche e televisive ispirate all’ anima di un paesaggio, che con nuovi linguaggi tentano di esplorare la commistione tra “territorio, memoria, immaginazione e racconto”.

Il tema scelto per l’edizione di quest’anno è “Il cinema e la televisione illuminano i territori”: gli autori sono invitati a sviluppare una riflessione in ambito sociale, antropologico, culturale e artistico sul tema della tutela e della sostenibilità ambientale e sulla riscoperta delle tradizioni, della storia e delle peculiarità dei contesti locali.

Il concorso prevede una categoria per i lungometraggi, la cui giuria sarà presieduta da Ferzan Ozpetek e composta da Laura Delli Colli e Massimo Pulini, e una sezione destinata ai documentari, la cui commissione sarà presieduta invece da Andrea Guerra e composta da Luca Cesari e Raffaele Milani.

“I Luoghi dell’Anima – Italian Film Festival” è promosso dall’Associazione culturale Tonino Guerra.