Ritorno al western per Kevin Costner. A Cannes con “Horizon, An American Saga”


A distanza di quasi 35 anni da Balla coi Lupi, Kevin Costner torna al western e sbarca al Festival di Cannes portando il primo dei quattro capitoli di Horizon, An American Saga.

Balla coi Lupi, capolavoro diretto e interpretato da Kevin Costner è basato sul romanzo omonimo di Michael Blake. Il libro, vincitore del premio National Book Award nel 1988, racconta la storia di un ufficiale dell’esercito Unionista, John Dunbar, che si ritrova ad abbracciare la cultura e il modo di vita dei nativi americani mentre è di stanza in un avamposto solitario della frontiera americana durante la Guerra Civile.

Il film, uscito nel 1990, ha ricevuto un plauso unanime dalla critica e ha vinto sette premi Oscar, tra cui quello per il miglior film e il miglior regista per Costner. Con una rappresentazione autentica delle culture native americane e una narrazione coinvolgente, Balla coi Lupi è diventato un culto del cinema western contemporaneo e un simbolo dell’impegno di Costner sui temi della diversità e del dialogo interculturale.

Affiancato da Sienna Miller, Sam Worthington e Jena Malone, Costner torna dietro e davanti alla macchina da presa per la quarta volta, portando sul grande schermo la leggenda della conquista dell’Ovest del Nord America, narrando ambiziosamente la storia della costruzione degli Stati Uniti d’America.

“Horizon, An American Saga è una storia che ha avuto inizio 35 anni fa”, ha dichiarato il regista lodando il Festival di Cannes come il luogo ideale per rivelare al mondo il risultato di un’avventura così straordinaria. Ha anche elogiato l’impegno della kermesse nel promuovere e sostenere il cinema, sottolineando il forte sostegno dei francesi al settore cinematografico.