Tra Paul Verhoeven e Sabrina Sarabi torna l’Efebo d’oro. A Palermo il festival di cinema e narrativa


Dal 5 al 12 novembre torna a Palermo l’Efebo d’Oro – Festival internazionale di Cinema e Narrativa.

Giunta alla sua 44a edizione la rassegna propone in concorso sette film tratti da un’opera: le anteprima nazionali di Benedetta di Paul Verhoeven, presentato l’anno scorso a Cannes e mai distribuito in Italia; 100 minutes – Ivan Denisovich (2021), ultimo film del regista russo Gleb Panfilov, tratto dal romanzo Una giornata di Ivan Denisovich di Aleksandr Solženicyn; Ils sont Vivants (Francia, 2021) di Jeremie Elkaïm, ispirato dal libro autobiografico di Béatrice Huret, storia del profondo ripensamento delle convinzioni tendenzialmente razziste di una donna abituata all’ambiente della destra francese; No one with the Calves (Germania, 2021), opera di Sabrina Sarabi, regista tedesca di origine iraniano-ungherese in cui il tema della liberazione della donna è trattato con approccio originale e inconsueta ambientazione rurale; e ancora A Perfect Enemy (Spagna, Francia, Germania, 2020) di Kike Maillo, regista noto per la serie Netflix Alma.

Tra le prime visioni c’è il ritorno di Fatih Akin (Efebo alla carriera nel 2019) che porta il suo recentissimo Rheingold (Germania, Italia, 2022), film che ricostruisce la tumultuosa vita del rapper e produttore curdo-iraniano Giwar Hajabi trasferitosi insieme alla famiglia in Germania alla fine degli anni Ottanta. I film saranno valutati dalla giuria composta da João Botelho (regista e sceneggiatore), Robert Cahen (artista visivo), Emanuela Martini (critica cinematografica e direttrice della rivista Cineforum), Egle Palazzolo (giornalista e scrittrice) e Nadia Terranova (scrittrice).

Inoltre saranno assegnati il Premio Efebo d’Oro alla carriera a Silvio Soldini e l’Efebo d’Oro Nuovi Linguaggi alla coppia di artisti Tizza Covi e Rainer Frimmel.

Qui il programma completo