Almodóvar torna alle origini. “Madri parallele”, il nuovo lavoro con Penélope Cruz

La mamma è sempre la mamma, tanto più per un regista come Pedro Almodóvar, che con i suoi personaggi di madri ha sempre saputo incantare il pubblico. Dall’indimenticabile Tutto su mia madre fino al più recente Dolor y gloria, il regista spagnolo ha saputo tratteggiare meglio di chiunque altro il senso di una condizione femminile essenziale come la maternità.

Il suo prossimo lavoro, Madres paralelas (“Madri parallele”), che dovrebbe arrivare nelle sale nell’autunno del 2021, tornerà quindi a occuparsi di quei temi che hanno reso Almodóvar amato in tutto il mondo. Ad interpretarlo sarà ancora Penélope Cruz, con la quale il regista vanta ormai una collaborazione ultraventennale.

Il film avrà come protagoniste due donne che partoriscono nello stesso giorno e ne seguirà le vicende in parallelo durante i primi due anni di vita dei loro figli. Una storia che, sembra, Almodóvar aveva nel cassetto da molto ma che si è deciso a sviluppare definitivamente durante la quarantena.

Un “regalo” del Covid dunque, sperando che l’autore spagnolo non sia stato l’unico a farsi ispirare dalla chiusura forzata e che i prossimi mesi possano tradursi in grandi film, visto anche il digiuno fin troppo lungo del pubblico.