Il cinema migrante di Kechiche. Appuntamento al Kino, “Oltre lo schermo”

Dal 19 novembre (alle 20.30) tornano al Kino di Roma le lezioni conviviali di cinema di “Oltre lo schermo”. Domenica sarà la volta di Abdellatif Kechiche, uno dei più celebrati autori contempranei. “Ricostruire la vita” è il titolo della serata dedicata all’autore di “Cous Cous” e “La vita di Adèle”. Sequenze dai suoi film saranno proiettate, analizzate e commentate insieme al pubblico. Conduce Emanuele Di Nicola…

Domenica 19 novembre il cinema di Abdellatif Kechiche arriva al Kino di Roma. Per il ciclo Oltre lo schermo, lezioni conviviali di cinema, sarà la volta dell’autore de La schivata, Cous cous e La vita di Adèle, regista migrante e naturalista, ormai amato e affermato nel cinema internazionale.

La serata, “Ricostruire la vita – Il cinema di Abdellatif Kechiche” è a cura di Emanuele Di Nicola, giornalista, critico cinematografico e firma di Bookciak Magazine. A partire dalle 20.30 verranno proiettate scene dai film di Kechiche, analizzate e commentate col pubblico in sala. Nello stile delle lezioni sarà una serata diretta, divulgativa e anti-accademica, con l’obiettivo di introdurre il pubblico a una visione più attiva e critica del cinema. Come sempre, il senso dell’incontro è far uscire la settima arte dalla scatola chiusa della critica, instaurando un dialogo tra le parti, stimolando un interesse vivo e dinamico: una lezione, appunto, conviviale.

“Abdellatif Kechiche – scrive Emanuele Di Nicola – è regista chiave dell’oggi. Il suo cinema inizia con un migrante tunisino che arriva a Parigi, in Tutta colpa di Voltaire e culmina nella relazione tra due ragazze ne La vita di Adèle, Palma d’oro al Festival di Cannes. Cinque film, il sesto di prossima uscita, che disegnano una poetica unica, personale e coerente. Kechiche fa cinema migrante: storie di uomini che arrivano in Francia, di diversi, sfruttati, gay che cercano il loro posto nella società e sullo schermo. Ma, soprattutto, è un regista naturalista: ricostruire il reale è il grande obiettivo del suo cinema. Attraverso la minuziosa costruzione delle inquadrature e la durata delle riprese, egli vuole dare la sensazione della realtà colta esattamente mentre si svolge: se togliamo Adèle al suo titolo più famoso, non a caso, ciò che resta è soltanto la vita”.

Emanuele Di Nicola (Roma, 1984) è giornalista professionista e critico cinematografico. È redattore de Gli Spietati. Collabora con l’università La Sapienza di Roma per la realizzazione di seminari sul cinema. Scrive su varie testate, è ospite fisso di RadioArticolo1 nella trasmissione sul cinema Tempi Moderni, in onda anche su Radio Popolare.

“Oltre lo Schermo” è organizzato dall’associazione culturale Doppio Sogno. L’iniziativa nasce ad Arezzo da un’idea di Marco Compiani (presidente Doppio Sogno) e Giusi Nibbi (Vaegas Ideas). Ospita tra i propri relatori alcuni redattori delle riviste di critica online Gli Spietati e Point Blank. La rassegna si svole di domenica sera al cineclub Kino di Roma, via Perugia 34, dove è possibile mangiare e bere. Ingresso 5 euro con consumazione.

Il prossimoappuntamento, domenica 26 novembre
, sarà col cinema di William Friedkin, a cura di Marco Compiani.