“Il Signore delle mosche”. Guadagnino sceglie ancora un romanzo per tornare al cinema


Ormai ad Hollywood è di casa Luca Guadagnino. O così sembrebbe dopo il successo di Chiamami col tuo nome _ dal romanzo di André Aciman – arrivato fino agli Oscar e di cui tempo fa ha pure annunciato un sequel.

Mentre sta già lavorando alla sua prima serie tv per HBO, We Are Who We Are, incentrata sul percorso di formazione di due ragazzi americani in Italia, trapela la notizia che Guadagino stia già pensando al su prossimo film. Anche questo un adattamento, ma anche un remake.

Si tratta, infatti, di Il Signore delle mosche, romanzo del ’54 del grande scrittore britannico, William Golding premio Nobel nell’83. Un classico della letteratura, dal carattere fortemente simbolico, che osserva le trasformazioni di un gruppo di ragazzini costretti su un’isola deserta all’indomani di una catastrofe nucleare. Brutalità e violenza si impadroniscono del “branco” che perde via via ogni forma di civiltà.

Del romanzo Peter Brook nel ’63 ha girato un adattamento (lo vedete nelle foto) presentato a Cannes e, a seguire ancora un remake per la regia di Harry Hook.

Quello di Luca Guadagnino sarabbe dunque il terzo remake dal libro, che si anuncia molto fedele al testo e in chiave contemporanea.

Il progetto coinvolge Warner Bros e la società Known Universe degli sceneggiatori Lindsey Beer, Nicole Perlman e Geneva Robertson-Dworet, in trattativa per la produzione esecutiva. Guadagnino con Marco Morabito dovrebbero partecipare anche in qualità di produttori.