Le donne del Rwanda. Per ricordare il genocidio dimenticato un pomeriggio all’AAMOD


In occasione del 30esimo anniversario del geonocidio in Rwanda, appuntamento il 16 aprile (ore 18:00) presso la Sala Zavattini dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico a Roma, per la proiezione di Rwanda, il paese delle donne, documentario di Sabrina Varani.

Il film racconta lo straordinario percorso del Rwanda attraverso la storia della rinascita delle donne sopravvissute al genocidio contro i Tutsi del 1994. Attraverso il racconto di tre donne ruandesi, le loro testimonianze dirette dei tragici eventi e delle azioni seguite ad essi, si ricostruisce un quadro della rinascita del paese, che da una distruzione quasi totale, sia umana che strutturale, è riuscito a risollevarsi e a riproporsi come un modello di sviluppo e pace sociale per l’Africa intera.

Il duro lavoro di elaborazione del trauma condotto in gruppo dalle donne, la solidarietà comunitaria e in generale un’illuminata politica di empowerment delle donne fortemente sostenuta dal governo ruandese, ci mostra un esempio vivente di cosa può fare una visione costruttiva e lungimirante che dia fiducia e strumenti alle donne.

Il film sarà introdotto dal presidente della Fondazione AAMOD Vincenzo Maria Vita. Saranno presenti la regista Sabrina Varani e una delle protagoniste, Leonie Uwanyirigira. Interverrà Maria Chiara Vitucci – coautrice del libro Lo sguardo del cinema sul genocidio dei Tutsi in Rwanda, ed. Editoriale Scientifica 2023 e Pietro Veronese, autore del libro La Famiglia. Una storia ruandese, edizioni e/o, 2024.

Rwanda, il paese delle donne è prodotto da Isabella Peretti, Progetto Rwanda Onlus, Associazione Almaterra in collaborazione con AAMOD. L’incontro si propone come un’occasione importante per parlare di un genocidio efferato, ma già finito negli scaffali impolverati di una cronaca mai diventata Storia.