Underdog’s Cineforum. Abel Ferrara special guest il 27 aprile a Roma



Il 27 aprile appuntamento a Roma (ore 21) con Abel Ferrara special guest dell’Underdog’s Cineforum. Si tratta di uno degli incontri curati dal critico cinematografico Emanuele Di Nicola (e anche firma di queste pagine web) che si svolgono nel locale romano di via del Sabelli 17.
Il regista di Il cattivo tenente, Pasolini, Padre Pio, racconterà il suo cinema passato, presente e futuro, dagli esordi americani fino all’arrivo in Italia e i drammi di oggi, dalla scelta di girare Pasolini alla difficoltà di fare cinema al tempo del Covid.

A seguire, la proiezione di The Driller Killer, il film del 1979 che ha lanciato il talento oscuro di Abel Ferrara.
Ferrara, classe 1951, è sicuramente uno dei registi più prolifici e controversi della sua generazione, nato nel Bronx, cresciuto da suo nonno, immigrato napoletano, e suo padre, che per vivere faceva l’allibratore. L’educazione cattolica contrapposta alla vita nel quartiere, l’adolescenza in una realtà che appariva senza via d’uscita sono elementi che nutriranno e costruiranno la sua poetica.

Abel Ferrara è noto per le sue location metropolitane cupe, infernali, claustrofobiche, e per temi del peccato e redenzione, violenza, tradimento, diatribe religiose. Le tematiche forti, combinate alla sua messa in scena decisa e ruvida ne hanno fatto uno dei registi più dibattuti del secolo.La sua vita è stata a lungo scandita dalla dipendenza da alcol e droghe, da lui stesso raccontate in The Addiction, nel 1995. Negli ultimi anni, Ferrara si è trasferito a Roma e convertito al buddismo.