Lorenzo Mattotti, l’eminenza delle matite, alla guida di Bookciak, Azione! 2019

Sarà il grande disegnatore, illustratore e pittore Lorenzo Mattotti il presidente di giuria della VIII edizione del premio Bookciak, Azione! evento di pre-apertura delle Giornate degli Autori alla Mostra del Cinema di Venezia. L’autore de “La famosa invasione degli orsi in Siciliasarà affiancato dalla nostra giuria prmanente composta da: Wilma Labate, Teresa Marchesi e Gianluca Arcopinto. Tornano le sezioni Memory Ciak e quella dedicata alle detenute di Rebibbia. La premiazione il 27 agosto al Lido. E poi on the road per l’Italia attraverso festival e premi per mostrare i bookciak vincitori …

Sarà Lorenzo Mattotti il presidente di Giuria della VIII edizione di Bookciak, Azione! 2019, evento di pre-apertura delle Giornate degli Autori (il 27 agosto) col premio dedicato all’intreccio tra cinema e letteratura, attraverso i bookciak, corti ispirati a romanzi e graphic novel, in collaborazione con SNGCI.

Il grande disegnatore bresciano – residente a Parigi dal ’98 – è reduce dai successi riscossi all’ultimo festival di Cannes col suo incantato film di animazione, La famosa invasione degli orsi in Sicilia, ispirato all’omonimo racconto per l’infanzia di Dino Buzzati e atteso nelle sale italiane.

“L’eminenza delle matite”, come recentemente è stato definito Mattotti da Libération, ci ha abituato alle sue versioni disegnate di celebri testi letterari come in Jekyll e Hide (Einaudi 2002, con Jerry Kramsky); Le avventure di Huckleberry Finn (riedizione 2012, Orecchio acerbo – Coconino Press, con Antonio Tettamanti); The Raven/Il corvo (Einaudi, 2012, una riscrittura di Lou Reed del classico di Edgar Allan Poe); il Pinocchio di Collodi (2008, Einaudi – I Millenni) poi diventato nel 2012 il lungometraggio animato diretto da Enzo D’Alò.

Si è fatto apprezzare anche per le contaminazioni letterarie, scritte e disegnate: L’uomo alla finestra (1992, Feltrinelli con Lilia Ambrosi); Stigmate (Einaudi, 1999 con Claudio Piersanti); Ghirlanda (2017, logosedizioni, con Jerry Kramsky).

Ha sorpreso per la capacità di mutare il suo segno: dalle prime e già mature prove all’interno del gruppo Valvoline (con Igort, Daniele Brolli, Giorgio Carpinteri), agli scarni grafismi in bianco e nero de L’uomo alla finestra, dalle pastose e tenebrose pennellate del suo Hänsel e Gretel al diluvio di colori, pastelli, tempere e oli pazientemente stesi, ristesi, sfumati, fissati in lunghe sedute di lavoro nel suo atelier parigino.

Segno personalissimo e indelebile che ha lasciato anche al cinema con Eros (2004, Michelangelo Antonioni, Wong-Kar-wai, Steven Soderberg), Peur(s) du Noir (2007, film d’animazione collettivo da Il santo coccodrillo, libro realizzato assieme a Jerry Kramsky, Corraini,1999) e altre collaborazioni.

Attivo anche nel mondo della pubblicità con la creazione di disegni e bozzetti per alcune marche famose, Lorenzo Mattotti ha firmato le copertine di illustri giornali – da Vogue al New Yorker a Le mode – e i manifesti ufficiali dei festival di Cannes e Venezia.

Il celebre disegnatore, in veste di presidente di giuria di Bookciak, Azione! 2019, ideato e diretto da Gabriella Gallozzi, sarà affiancato da Wilma Labate, Teresa Marchesi e Gianluca Arcopinto, componenti della nostra giuria permanente.

La novità di quest’anno di Bookciak, Azione! è che diventa on the road, portando in giro per l’Italia, attraverso festival e premi, i bookciak vincitori. Dopo l’anteprima veneziana, infatti, saremo alla Maddalena con il Solinas, a Cagliari con il premio Emilio Lussu, a Corigliano d’Otranto con la Festa Cinema del reale, a Spilimbergo con Le giornate della Luce e ancora a Roma dove entreremo nel carcere femminile di Rebibbia per premiare le allieve-detenute.

Torna, infatti, anche quest’anno la sezione ad hoc aperta alle allieve del liceo artistico statale Enzo Rossi presente nel carcere romano di Rebibbia.

E torna anche la sezione dedicata alla memoria – MEMORY CIAK – realizzata in collaborazione con LiberEtà, casa editrice dello Spi-CGIL, che si propone come luogo di confronto tra generazioni sui temi del lavoro e dell’impegno sociale e civile.

Per questa terza edizione di Memory Ciak, tra i romanzi pubblicati da LiberEtà abbiamo scelto come fonte d’ispirazione per i bookciak: La bella Sulamita di Renato Gorgoni.
Diario ambientato a Napoli, scatola magica da cui estrarre fame, delusioni, ma anche riscatto e identità, dove una banda di ragazzini si scrolla di dosso la pagliacciata del fascismo, addentando la vita a morsi prima che la guerra gliela rubi. La ribellione avrà una firma collettiva: la storica figurina Perugina de La bella Sulamita, che con Il feroce Saladino, Crik e Crok e Shanghai Lil, erano parte dell’immaginario di un’Italia povera, divisa tra cupo conformismo e ribellione.
La sezione Memory Ciak è gemellata con Spi-Story, concorso internazionale di cortometraggi organizzato da LiberEtà e Spi-CGIL.

Gli altri testi selezionati per il premio Bookciak, Azione! dell’edizione 2019 sono:

La memoria nel corpo (Rayuela Edizioni)
di Antonella Sica
Una raccolta di poesie. Brevissimi racconti che germogliano dai ricordi; dai corridoi di un collegio dove una bambina aspetta un padre che non arriverà mai, dalla stanza della nonna dove una donna cerca una sua identità non sottomessa, dal racconto di un amore pieno di slanci e arresti.

War painters
1915-1918 Come l’arte salva dalla guerra (ComicOut)
di Laura Scarpa
Un graphic novel fra le trincee della Grande guerra con i pittori che, al seguito dei reggimenti, sono impegnati a raccontare il fronte nello spazio-mondo di una cartolina. Anna Colemann Ladd, scultrice che nel 1918 ricostruirà i volti distrutti di molti soldati con delle maschere-protesi di rame. E ancora soldati italiani e austriaci che per un momento dimenticano di essere nemici. Tre storie di guerra prese dalla realtà, che parlano dei lutti e di come l’arte cerchi, e a volte possa, aiutare a superarli o a lenire il dolore.

La lettrice di Čechov (nottetempo)
di Giulia Corsalini
Nina è ucraina, ha quarant’anni, una figlia e un marito malato. Ha studiato, ama la letteratura e Čechov, ma è povera e non può mantenere la famiglia. Costretta a trasferirsi in Italia trova lavoro come badante. Una piccola svolta del destino la porterà a collaborare con un carismatico professore di slavistica. Colpisce al cuore questa esistenza minima, fatta di coraggio senza testimoni e, soprattutto, di dignità senza pretese come quella delle donne che ogni giorno mandano avanti il mondo.

Ogni concorrente, per realizzare il suo bookciak, potrà scegliere un solo titolo tra questi.
Le iscrizioni si sono chiuse il 15 giugno 2019.
Mentre i bookciak andranno consegnati entro il 10 luglio 2019.

I bookciak vincitori saranno proiettati la sera del 27 agosto 2019 nel corso dell’evento di pre-apertura delle Giornate degli Autori, alla Villa degli Autori del Lido di Venezia, nel corso di una serata di benvenuto alla stampa, in collaborazione con SNGCI.

Tutte le info su www.premio-bookciak- azione.it

Raitre è Media Partner