“Roma”, il cinema irraggiungibile di Cuaron. Vedetelo in sala (poi su Netflix)

Arriva in sala (poche ma buone, leggi quali) il 3, 4, e 5 dicembre “Roma”, il magnifico film (Netflix) del regista messicano Alfonso Cuaron, Leone d’oro delle polemiche. Con semplicità racconta il procedere della vita ed è capace di tratteggiare senza moralismi il mondo dei ricchi attraverso gli occhi dei poveri e il mondo maschile attraverso gli occhi femminili delle protagoniste (una domestica e la sua padrona). Un film, scrive il produttore indipendente Gianluca Arcopinto, che ti mette in crisi perché ti “fa chiedere se mai riuscirai a contribuire a costruire anche una sola delle sue tante sequenze memorabili”. Vedetelo al cinema, poi su Netflix dal 14 dicembre …

 

Stamattina non mi andava proprio di andare a recuperare Roma, il film in concorso di Alfonso Cuaron: non ho più l’età per esaltarmi a priori su nessun regista, cosa che un po’ invidio ai più bravi dei tanti studenti di cinema che frequento, neanche sul messicano che invece accende le menti e i cuori di molti.

E poi la giornata era cominciata male, con un tentativo goffo di andare a correre, naufragato miseramente per colpa di un paio di calzoncini che mi stanno troppo larghi e che calano vistosamente di metro in metro, col rischio di lasciarmi in mutande, costringendomi ad una semplice camminata veloce. Una cosa piccola e insignificante che può assumere nel mio umore un valore enorme.

Insomma, sono entrato in sala quasi per forza. Dopo pochi minuti però il film ha cominciato a catturarmi, con il suo lento narrare gesti e vite quotidiane anch’esse piccole e apparentemente insignificanti, che piano piano però hanno assunto un valore enorme. E quando, ad un certo punto, il racconto si impenna attraverso alcuni eventi drammatici ho cominciato a vivere il film con un certo disagio.

Perché Roma è un film che mette in crisi chi come me il cinema in qualche modo lo fa o meglio lo cerca di fare, avendo anche la pretesa di insegnare a molti altri come si fa o meglio si dovrebbe fare. Ti chiedi se mai riuscirai a contribuire a costruire anche una sola delle tante sequenze memorabili del film e non puoi che risponderti che no, non ci riuscirai mai, e rimarrai sempre relegato ai margini di un cinema troppo piccolo.

E allora esci dalla sala forse con l’umore peggiore di quello che avevi quando sei entrato, ma almeno con il privilegio nuovo di portarti dietro le emozioni le sensazioni i pensieri che un film come questo ti può dare. E non puoi non amarne la semplicità nel raccontare il procedere della vita; l’attenzione estrema ad ogni singolo dettaglio dell’inquadratura; il tratteggiare senza moralismi il mondo dei ricchi attraverso gli occhi dei poveri e il mondo maschile attraverso gli occhi femminili delle protagoniste; l’ efficacia della scelta di raccontare la Storia vista attraverso una finestra ma che all’improvviso ti entra dentro il luogo in cui ti trovi e ti assale inesorabile, a volte mostrandoti la morte; la tensione del pericolo di un mare in tempesta; il dramma di una gravidanza finita male; il valore forte e grande di un grazie, di un abbraccio, di un ti voglio bene.

Roma è tutto questo senza insistere su niente più di tanto, neanche quando ti racconta la codardia degli uomini di fronte alla responsabilità inaspettata di una eventuale paternità e l’incapacità di affrontare il distacco dalla moglie e dai figli non trovando il coraggio di comunicarlo, preferendo ogni volta di fuggire quasi di nascosto.

E quando è la madre, durante un viaggio simbolico di addio a quello che è stato e di inizio di quello che sarà, che trova lei il coraggio di comunicare ai propri figli che il padre se ne è andato di casa, che in fondo è la cosa più difficile da comunicare a dei figli, perché i figli tutto vorrebbero ma mai questa cosa, perché i figli sperano sempre, fino all’ultimo respiro, di avere accanto una mamma e un papà, ecco in quel preciso momento io ho pianto. E piangere al cinema è un privilegio che pochi riescono a regalarti.

Gianluca Arcopinto

Produttore indipendente, regista, scrittore. Ha prodotto e distribuito almeno un centinaio di film, scoprendo, tra gli altri, Matteo Garrone, Luca Miniero, Paolo Genovese, Eugenio Cappuccio, Vincenzo Marra, Salvatore Mereu, Francesco Munzi, Gianni Zanasi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-61906727-1