Giovane cinema europeo d’autore (senza italiani). Al via ArteKino Festival (gratis) su ARTE

Al via l’ottava edizione dell’ArteKino Festival, dal primo al 31 dicembre: l’evento digitale dedicato al cinema d’autore europeo accessibile gratuitamente sulla piattaforma arte.it.

Sin dalla sua creazione ARTE ha sempre promosso la ricchezza culturale del cinema europeo e ha promosso l’accesso a film che, malgrado il successo di critica e il passaggio ai grandi festival internazionali, difficilmente hanno trovato distribuzione. Ora grazie al digitale anche i film più di nicchia possono arrivare ad un vasto pubblico.

ArteKino Festival, nata nel 2016, è uno dei progetti simbolo di ARTE: promuovere e rendere fruibile ad un pubblico quanto più vasto possibile la diversità del cinema europeo d’autore, andare oltre le élite delle rassegne o dei festival e raggiungere tutti coloro che non possono accedere alla cultura o che se ne sentono esclusi.

Protagonisti della rassegna saranno anche gli spettatori che, nell’ambito del festival, potranno votare ed assegnare due premi ai loro titoli preferiti: il Premio del Pubblico assegnato dagli internauti; il Premio Giuria Giovani votato dai ragazzi tra i 18 e i 25 anni. E il terzo, Premio del Cinefilo europeo, in collaborazione con SNCF (ferrovie dello stato francesi) destinato a premiare il pubblico votante con un Pass Interrail per due persone.

Provengono da Spagna, Svizzera, Norvegia, Germania, Grecia, Bulgaria, Francia e Polonia i 12 titoli in concorso, nessuno italiano, per far conoscere nuovi autori rivolgendosi anche al pubblico più giovane. Come negli anni precedenti, la linea editoriale dell’ArteKino Festival è sensibile alla diversità e rispetta rigorosamente la parità di genere nel suo processo di selezione.

Tra i titoli in concorso, il portoghese The Sibylle (La Sibilla, nelle foto)) di Eduardo Brito: un adattamento dell’omonimo romanzo di Agustina Bessa-Luis (tradotto in Italia da Giunti) ispirato a fatti realmente accaduti. Ambientato nella metà del Ventesimo secolo nella campagna del Nord del Portogallo, racconta la storia di una giovane autrice e di sua zia esplorando il rapporto di gelosia e ammirazione tra le due donne.

Gli altri film in gara sono il polacco Tutte le nostre paure (Wszystkie nasze strachy), il lungometraggio spagnolo My Emptiness and I (Mi vacio y yo), il francese Splendid Hotel, i film tedeschi Ladybitch e No One’s With The Calves (Niemand ist bei den Kälbern), il norvegese Sister, What Grows Where the Land is Sick? (Den Siste Våren) e lo svizzero Semret.

In competizione anche diverse co-produzioni: quella tra Grecia e Cipro per .Dog, tra Cuba e Germania per Vamos a la playa; tra Romania e Bulgaria per il film Fishbone; e tra Grecia e Francia per Sundays.

Nato su iniziativa della Fondazione ArteKino, il festival beneficia della sezione MEDIA del programma Europa Creativa, del patrocinio di CHANEL e della casa d’arte GOOSSENS, che ha creato i trofei del Premio del Pubblico Europeo e del Premio della Giuria Giovani. La Fondazione ArteKino sostiene inoltre progetti di lungometraggi attraverso il Prix ArteKino International, una borsa di aiuto allo sviluppo, assegnata in una dozzina di prestigiosi festival cinematografici.