“Non sono un assassino”, Scamarcio nel legal-thriller del giudice scrittore

Ancora un film da un giallo di un giudice scrittore. È “Non sono un assassino” per la regia di Andrea Zaccariello, dall’omonimo libro di Francesco Caringella (Newton Compton). Riccardo Scamarcio è nei panni di un vice questore accusato dell’omicidio di un giudice che è anche il suo migliore amico …

Un legal-thriller nato dalla penna del magistrato-scrittore Francesco Caringella diventa film per la regia di Andrea Zaccariello, un passato da pubblicitario e un paio di titoli per il cinema.
Si tratta di Non sono un assassino (il libro è pubblicato da Newton Compton) sceneggiato dallo stesso regista con Paolo Rossi e Riccardo Scamarcio nei panni del protagonista.
È lui, infatti, il vice questore Francesco Prencipe che esce di casa per raggiungere il suo migliore amico, il giudice Giovanni Mastropaolo (Alessio Boni), che non vede da quasi due anni.
Due ore di macchina per un colloquio di poche parole. Una domanda. Una risposta.
Quella stessa mattina il giudice viene trovato morto, freddato da un colpo di pistola alla testa. 
Francesco è l’ultimo ad averlo visto. Solo sue le impronte nella casa. Solo suo il tempo per uccidere.
A interrogarlo e accusarlo una PM (Claudia Gerini) che conosce il suo passato, a difenderlo l’avvocato amico di una vita (Edoardo Pesce).
Nell’attesa che lo separa dal processo, le immagini del passato di Francesco si accavallano incoerenti nel disperato tentativo di arrivare al vero assassino. E alla verità di una vita intera.

Non sono un assassino è una produzione Pepito Produzioni e Viola Film con Rai Cinema, prodotto da Agostino Saccà e Alessandro Passadore.

In sala dal 30 aprile per 01.