Omaggio a Tonino Guerra alla Casa del cinema (di Roma). Con “Tre fratelli”


Nel centenario della nascita, la Cineteca Nazionale ricorda uno dei più grandi poeti del cinema e non solo, con un omaggio di scena il 21 settembre alla Casa del cinema di Roma.

Geniale affabulatore, creatore di mondi immaginifici e interiori, originalissimo sceneggiatore, Tonino Guerra (16 marzo 1920 – 21 marzo 2012) ha una filmografia vastissima, iniziata negli anni gloriosi del neorealismo, proseguita nei toni grotteschi dalle sfumature surreali della commedia, per poi inoltrarsi nelle visioni di Federico Fellini o nelle alienazioni di una società in mutazione (Michelangelo Antonioni), senza mai dimenticare l’impegno civile (Francesco Rosi).

Ma Tonino Guerra è soprattutto un artista totale, capace d’indagare l’anima del mondo e degli uomini per scoprirne i più intimi segreti, le più nascoste emozioni, i sogni e le speranze, rivelandoci le bellezze di un ambiente che rischia di scomparire e insegnandoci a ritrovare la magia delle piccole cose nell’ascolto della natura. In suo omaggio la proiezione (ore 16,00) d uno dei film più curiosi e interessanti di Francesco Rosi, Tre fratelli (1981) dove Tonino insieme al regista vinse il David di Donatello per la miglior sceneggiatura.