Tornano le registe del Cinema d’iDEA. L’anteprima il 13, 14 e 20 luglio a Roma


Patrizia Fregonese de Filippo torna a battagliare contro gli stereotipi di genere col suo Cinema d’iDEA – International Women’s Film Festival (partner del Premio Bookciak, Azione!), rassegna votata alla valorizzazione del talento femminile multilingue troppo spesso tagliato fuori dalle vetrine del cinema. In attesa dell’apertura romana a settembre, questa 5º edizione anticipa gli eventi con un pre-Festival di pellicole indipendenti in anteprima assoluta rigorosamente firmate da donne.

Registe dal Libano, dall’Iran, dal Burkina Faso, dalla Serbia, dalla Nuova Zelanda e dall’Italia animeranno gli schermi nel corso di tre giornate speciali a Roma (13, 14 e 20 luglio presso Il Cantiere, in Via Gustavo Modena 92) organizzate con l’associazione culturale La Tribù dell’Arte.

“Il Festival è sicuramente un punto di partenza fondamentale per l’educazione all’immagine, ridisegnando un nuovo immaginario femminile, necessario per una diversificazione della cultura cinematografica (e non solo)” spiega la direttrice artistica del Festival che quest’anno racconterà lotte e stereotipi da scardinare tra femminismi rivoluzionari e guerre civili, ragazze madri coraggiose, religione e transizioni sessuali.

Di seguito il programma:

Martedì 13 luglio

H 21.00  Presentazione Festival con Lidia Vitale e Rosa Pianeta

H 21.30  Are you Glad I’m Here? di Noor Gharzeddine (2018, Libano)

H 23.00  Gracefully di Arash Es’Haghi/ Tala Azadravesh (2019, Iran)

 

Mercoledì 14 luglio

H 21.30  Spring Poem di Natalija Avramovic (2021, Serbia)

H 23.00  Six Angy Women di Megan Jones (2021, Nuova Zelanda)

 

Mercoledì 20 luglio

H 21.30  Liliana Paganini interpreta il monologo Figlio, figlio amato di Dacia Maraini

H 21.45  Desrances di Apolline Traorè (2019, Burkina Faso)

H 23.00  In the image of God di Bianca Rondolino (2020, Italia)