Addio Mark Meddof. “I figli di un dio minore” perdono il loro papà

È morto a 79 anni in Nuovo Messico, Mark Meddof drammaturgo e sceneggiatore statunitense celebre per la pièce “Figli di un dio minore” che, adattata per il cinema, consacrò all’Oscar la sua protagonista: Marlee Matlin. Al centro della storia il complesso amore tra una ragazza sorda e un’insegnante in una scuola per non udenti …

Proprio quest’anno la sua opera più famosa, Figli di un dio minore, compie quarant’anni. Ma il suo creatore non potrà assistere alle celebrazioni. È morto Mark Meddof, drammaturgo e sceneggiatore statunitense, che con quella celebre pièce portò all’attenzione del grande pubblico il complesso mondo dei non udenti.

Grande successo a Broadway, dove restò in scena per diversi anni, Figli di un dio minore Meddof lo scrisse dopo l’incontro con Phyllis Frelich, una ragazza sorda col sogno della recitazione che lamentava l’assenza di ruoli praticabili per lei. Il drammaturgo le permise di coronare il suo sogno calcando le tavole dei teatri e diventando una star.

Tale fu il successo della pièce – il debutto nel ’79 – che ne seguì l’adattamento per il cinema che curò lo stesso Medoff, con la regia di Randa Haines e Marlee Matlin che vinse l’Oscar nei panni della protagonista al fianco di William Hurt.

La trama racconta la complicata storia d’amore tra un’insegnante in una scuola per non udenti (James Leeds) ed una giovane e molto acuta ragazza sorda (Sarah Norman) che lavora come bidella nello stesso edificio.

Mark Meddof è autore di 30 opere teatrali, ha scritto, prodotto e/o diretto in totale 19 film. È morto per un tumore a 79 anni, il 24 aprile, in Nuovo Messico.