Agente Speciale 117 arriva in Italia. E Cannes chiude con l’ultimo capitolo della saga


A 15 anni dall’acclamato debutto francese, approda anche nelle sale italiane la trilogia di Hubert Bonisseur de la Bath (alias Agente Speciale OS 117) nata dalla penna di Jean Bruce, spy-story cult portata poi sul grande schermo nel 2006 da Michel Hazanavicius (Oscar con The Artist) e il suo attore feticcio Jean Dujardin.

Già dal 1 luglio è al cinema Agente speciale 117 al servizio della Repubblica – Missione Cairo, primo capitolo della saga che ha anticipato il James Bond di Ian Fleming sia sulla carta che sulla celluloide, in cui commedia brillante, spionaggio e ironia si mescolano tra le peripezie della goffa spia francese mandata in medio oriente per sventare una crisi mondiale.

A Il Cairo l’agente combinaguai deve infatti barcamenarsi tra i complotti internazionali da guerra fredda mentre gli eredi del Re Farouk (estromesso dopo un golpe militare) tenteranno di accaparrarsi nuovamente il trono, combattendo accanite sette religiose, reduci nazisti e il “nuovo faraone” Nasser.

Il secondo capitolo della trilogia arriverà in sala il 29 luglio, mentre la pellicola conclusiva (kolossal diretto invece da Nicolas Bedos dal titolo Agente speciale 117 al servizio della Repubblica – Allarme rosso in Africa nera) vedrà la luce nell’evento di chiusura del Festival di Cannes, distribuito da I Wonder Picture e Unipol Biografilm Collection.