L’eredità (tragica) del Vietnam, nel nuovo film di Spike Lee (dal 12 giugno su Netflix)

Non potremo vedere Spike Lee all’opera (almeno quest’anno) come presidente della giuria a Cannes, ma in compenso dal 12 giugno sarà disponibile su Netflix il nuovo lungometraggio del regista, Da 5 Bloods – Come fratelli, di cui nel frattempo è stato rilasciato il trailer.

Il film, scritto da Lee con Danny Bilson, Paul DeMeo e Kevin Willmott, avrebbe dovuto essere presentato fuori concorso proprio a Cannes 2020. Si racconta di quattro reduci afroamericani dalla guerra in Vietnam, Paul (Delroy Lindo), Otis (Clarke Peters), Eddie (Norm Lewis) e Melvin (Isiah Whitlock, Jr.), che tornano dove avevano combattuto in cerca di ciò che resta del loro caposquadra caduto (Chadwick Boseman) e di un tesoro sepolto durante il conflitto. Una missione che li porterà a constatare le drammatiche conseguenze della guerra sul paese asiatico.

Nel cast anche Jonathan Majors (nella parte del figlio di Paul), Mélanie Thierry, Paul Walter Hauser, Jasper Pääkkönen e Jean Reno. Il film è prodotto dalla 40 Acres & a Mule Filmworks, la casa cinematografica fondata nel 1984 dallo stesso Lee.

Dopo l’acclamato Blakklansman (Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes 2018 e Oscar alla sceneggiatura, dal libro omonimo di Ron Stallworth), il regista torna a visitare polemicamente la storia USA, nonché a confrontarsi con un conflitto passato dal punto di vista dei soldati afroamericani (come nella Seconda Guerra Mondiale di Miracolo a Sant’Anna, 2008, dal romanzo omonimo di James McBride). E, a giudicare dalle prime immagini, possiamo aspettarci un’altra incursione graffiante nelle criticità irrisolte della società di ieri (e, neanche tanto velatamente, di oggi).