Timvision Floating Theatre: al via a Roma l’arena sull’acqua, con Oliver Stone (e non solo)

Per rinfrescare l’estate romana del post-lockdown arriva, dal 24 agosto (fino al 24 settembre), l’arena (letteralmente) galleggiante Timvision Floating Theatre, organizzata da Alice nella città in collaborazione con Accademia del Cinema Italiano- Premi David di Donatello, Moviement Village e Cinema Caravaggio: 150 posti per trenta giorni di appuntamenti e proiezioni al Parco Centrale del Lago (quartiere EUR), a partire da un incontro col regista Oliver Stone.

Quest’ultimo, alle 20.30 di giovedì 24, presenterà la sua autobiografia Cercando la luce (in uscita il 27 agosto per La nave di Teseo), proseguendo con la proiezione di un classico (attualissimo) del regista statunitense, Wall Street. Tra i film che animeranno l’inedita struttura galleggiante ecocompatibile dell’iniziativa, anche alcuni recenti e apprezzati adattamenti, come (il 26 agosto) 5 è il numero perfetto di Igort (dal suo omonimo graphic novel) e, il 30 agosto, La famosa invasione degli orsi in Sicilia di Lorenzo Mattotti, dal libro omonimo di Dino Buzzati.

Attesi per l’arena anche l’anteprima (il 13 settembre) di Missing Link, il road-movie animato di Chris Butler già candidato agli Oscar 2020 (e nelle sale dal 17 settembre per 01), la versione in bianco e nero dell’acclamato Parasite di Bong Joon-ho (il 25 agosto) e un omaggio a Ugo Tognazzi (il 28 agosto) per i trent’anni dalla scomparsa del grande attore: la figlia Maria Sole sarà l’ospite d’onore della serata, durante la quale sarà proiettato il film di Marco Ferreri La donna scimmia.

Non mancherà inoltre uno spazio dedicato ai registi esordienti che hanno corso ai David di quest’anno: sarà quindi (anche) l’occasione per rivedere, oltre al film di Igort, i lungometraggi Sole (di Carlo Sironi), L’immortale (di Marco D’Amore), Il campione (di Leonardo D’Agostini) e il vincitore del David 2020 Bangla, di Phaim Bhuiyan.