Visioni e passioni alla Festa (resistente) di cinema del reale. Con Evangelia Kranioti e Bookciak, Azione!


Videoartista, regista, vincitrice di numerosi premi internazionali, Evangelia Kranioti sarà una delle ospiti da scoprire in questa edizione numero 19 di “Festa di cinema del reale”, lo spericolato festival di visioni e passioni diretto da Paolo Pisanelli che si svolgerà come sempre nel “Castello volante” di Corigliano d’Otranto (LE) dal 20 al 23 luglio.

Dell’artista greca residente in Francia saranno proposti i suoi lavori più recenti che abbracciano la fotografia, il cinema e la videoinstallazione. Da Exotica, Erotica, Etc. (2015, presentato alla Berlinale Forum) suo primo documetario dedicato alla gente di mare, girato da sola, senza la sua troupe, filmando oltre 450 ore a bordo di varie navi mercantili a Obscuro Barroco (2018) ritratto della transgender brasiliana Luana Muniz (1961-2017), icona della sottocultura queer a Rio de Janeiro. Terminando con Les messagers, progetto fotografico e cinematografico in fieri che esplora il tema delle migrazioni nel Mediterraneo attraverso la figura di Ermes e il prisma del mito.

Tra le tante proposte attenzione ai registi emergenti. Anche quest’anno sono tantissimi i nomi di giovani autrici e autori presenti nel programma del festival: Domiziana De Fulvio (Sisterhood), Alessandro Gattuso (Dal giorno finché sera), Tiziano Locci (The way daddy rides), Flavia Montini (Los Zuluagas), Gabriele Vizzi (Heterotopie) e Agnese Giovanardi (Quello che conta) già vincitrice dell’edizione di Bookciak, Azione! 2017 con Arte materna.

La collaborazione col nostro premio cine-letterario e Festa cinema del reale prosegue anche in questo 2022. Il 22 luglio (ore 22.30) saranno proiettati This Is Fine di Gianmarco Nepa, liberamente ispirato a Penelope alla peste di Veronica Passeri (Castelvecchi) e Guardare attraverso di Lorenzo Vitrone, liberamente ispirato a Pesci di vetro di Sergio Oricci (Gattomerlino), entrambi vincitori di Bookciak, Azione! 2021 e premiati da Zerocalcare presidente di giuria.

Tanti poi gli omaggi: Letizia Battaglia, Lisetta Carmi, e quelli letterari da Pier Paolo Pasolini col suo magnifico Otello, Che cosa sono le nuvole al ritratto di Gesualdo Bufalino firmato da Franco Battiato. E ancora, immancabile, l’omaggio a Cecilia Mangini che di questa Festa è stata protagonista assoluta e grande amica. A lei che anche se non c’è più è comunque con noi che abbiamo avuto il privilegio di averla amica, il compito di chiudere questa edizione della festa con Grazia Deledda la rivoluzionaria, suo penultimo film sempre in coregia con Paolo Pisanelli.

È proprio vero che La Festa di Cinema del reale è molto più di un festival di cinema documentario: è un’officina creativa, uno spazio resistente, un grande laboratorio di ricerca e condivisione di stupori e passioni. Quello, insomma, che dovrebbe essere davvero un festival ma che purtroppo ogni anno è invece messo a rischio da tagli ai finanziamenti a causa di politiche culturali sempre più miopi.

Grazie quindi al coraggio e alla tenacia dell’intero gruppo che lo realizza: Big Sur, Officina Visioni, Archivio Cinema del reale con la direzione artistica di Paolo Pisanelli e la direzione creativa di Francesco Maggiore.

Qui il programma completo

Qui l’acquisto dei biglietti